L'e-commerce cresce, in barba alla crisi

L'e-commerce non conosce crisi: dopo una crescita del 17% nel 2010, il commercio on line accelera e arriva a un +20% di crescita nel 2011, con un giro d'affari dei siti italiani che supera gli 8 miliardi di euro. In crescita del 24% i prodotti venduti on line: i servizi, che pesano ancora per i due terzi del settore, sono cresciuti nello scorso anno del 18%.

Il totale di acquirenti on line è ormai intorno ai 9 milioni, cioè un navigatore su tre. La spesa annua per acquirente è in crescita da 960 euro l'anno a 1.050 euro l'anno: la spesa media è al di sopra dei 210 euro. Triplicato in un anno il valore dell'm-commerce, lo shopping da telefonino, che nel 2011 ha dato vita a un giro di affari di 80 milioni di euro, circa l'1% delle vendite on line, ma è destinato certamente a crescere. Sono i dati dell'Osservatorio sull'e-Commerce B2c Netcomm - Politecnico di Milano, presentati il 10 novembre scorso.

BOOM DEI COUPON

A spingere la crescita dell'e-commerce sono anche i siti che vendono coupon di acquisto: da soli hanno portato 400 milioni di euro nel sistema, attirando anche molti nuovi consumatori.

IL BILANCIO CON L'ESTERO

Il mercato italiano resta un sesto di quello inglese, un quarto di quello tedesco e meno della metà di quello francese per fatturato, ma cresce più rapidamente di quello di altri Paesi. Migliora anche il saldo della "bilancia commerciale", riducendosi di 100 milioni di euro: insomma, ci sono più stranieri che comprano sui nostri siti internet. Merito del settore Turismo (Alitalia, Trenitalia e Venere in testa) e il comparto Abbigliamento. Gli italiani comprano sui siti stranieri soprattutto per i biglietti aerei, la prenotazione di alberghi e i prodotti di informatica ed elettronica.

QUALI SETTORI "TIRANO"

Crescono soprattutto l'Abbigliamento (+38%) e il settore "Editoria, musica e audiovisivi” (+35%), anche grazie al debutto di Amazon nel nostro Paese. Bene anche l'Elettronica (+22%), e gli Alimentari (+17%), dove si distingue la performance di Esselunga. Nei servizi vanno molto bene, oltre ai Coupon, le Assicurazioni (+22%) e il Turismo (+13%). Praticamente stabile la vendita di biglietti per eventi e concerti.

CHI COMPRA ON LINE E COME

I dati sugli acquirenti on line, diffusi in collaborazione con l'Osservatorio Acquisti di CartaSi, dimostra come gli shopper on line italiani siano in crescita del 7%, arrivando a quota 9 milioni: il 60% di loro vive nelle regioni del Nord Italia, il 25% al Centro e il 15% al Sud. La percentuale a valore delle vendite chiuse tramite pagamento con Carta di credito e PayPal continua a crescere, passando rispettivamente dal 71% del 2010 al 72% del 2011 e dal 13% al 15% per un peso totale dell'87% del valore delle vendite eCommerce B2c.

BOOM DEL MOBILE COMMERCE

Il valore del Mobile Commerce sale a 81 milioni di euro, con una crescita del 210%. Nel 90% dei casi si tratta di situazioni in cui è importante cogliere al volo un'occasione, come aste o vendite a tempo. Negli altri casi, l'utilizzo del pc prevale su quello dello smartphone. La crescita dell'e-commerce, secondo gli esperti dell'Osservatorio, dipende dalla creazione di occasioni in cui utilizzare un cellulare per effettuare acquisti comporti dei benefici chiari per il cliente, come un acquisto più semplice, o l'acquisto di impulso, o l'offerta di sconti in base alla geolocalizzazione. L'80% del valore delle vendite passa per gli iPhone, anche se è in crescita la quota degli altri sistemi operativi, soprattutto Android.

Immagine: Nutdanai Apikhomboonwaroot / FreeDigitalPhotos.net

Todo è un supplemento online della testata giornalistica AziendaBanca

Blast21 Srl P.IVA 08085190968
Copyright © 2013 - 2016

Designed by f14web.net & carchidio.com

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.