Vacanze: come spendere meno e risparmiare?

 
Vacanza prenotata, budget definito, si parte. Il problema è quando torniamo a casa: i conti non tornano, il portafoglio è vuoto e troppi i sensi di colpa. Esistono però alcuni trucchetti che (forse) possono aiutarci a risparmiare senza sorprese.

Risparmiare viaggiando in auto

Il risparmio comincia dal viaggio. Se abbiamo scelto l’auto, piuttosto che l’aereo o il treno, siamo già sulla buona strada (letteralmente). Ma tutto dipende dalla destinazione, oltre che dal veicolo, dal prezzo del carburante, dal pedaggio, dal numero di passeggeri, etc. Restiamo in Italia: un single che si sposta in Fiat Panda da Milano a Rimini spende circa 117 euro secondo SosTariffe.it, ma ne spende almeno 487 per raggiungere sempre con il “Pandino” San Vito Lo Capo in Sicilia. Fin qui nulla di strano: distanza più lunga, prezzo maggiore. Il consiglio qui è quindi banale: per una vacanza low cost meglio scegliere mete vicine. Oppure affidarsi a BlaBlaCar per dividere le spese.

Auto: il risparmio in coppia o con la famiglia

Viaggiare in più persone, o anche solo in coppia, difatti aiuta se vogliamo partire spendendo poco. Muovendosi in Smart ForTwo sempre da Milano a Rimini, la meta più economica in ogni caso per chi si sposta in macchina dal capoluogo lombardo, il prezzo scende a poco più di 112 euro. Solo l’Isola d’Elba conviene da soli: in due infatti si superano anche i 325 euro. Ma qui pesa soprattutto il costo del traghetto. La partenza in auto più intelligente è comunque quella con la famiglia: due adulti, due bambini. Il “pacchetto famiglia” abbatte i costi di autostrada e carburante per tutte le mete: andare a Rimini costa solo 98,88 euro. Ma in 4 anche la Puglia diventa una destinazione da vacanza a basso prezzo, tanto che si spende meno persino della più vicina Toscana.

10 trucchi per risparmiare sui voli aerei

E se invece si prende l’aereo? Il discorso qui si fa più complicato ma 10 trucchetti possono darci una mano per viaggiare quasi gratis o spendendo meno:

1) Prenotare di martedì pomeriggio: non nel weekend quindi, cioè quando si ha più tempo, ma esattamente nel momento in cui le compagnie aeree pubblicano le nuove tariffe con un corsa al ribasso per vendere più biglietti;
2) Essere flessibili: meglio non fissarsi su date specifiche e valutare in base ai prezzi;
3) Acquistare biglietti separati: cioè comprare separatemente biglietto di andata e di ritorno;
4) Iscriversi alle newsletter delle compagnie aeree: inviate di notte, contengono spesso offerte interessanti;
5) Confrontare diversi motori di ricerca: non limitiamoci cioè a un paio di siti noti;
6) Occhio ai cookie: i siti di viaggio memorizzano le nostre ricerche e a volte tentano di proporci tariffe più alte a ogni nuovo accesso; un bella pulizia di cookie e cache prima di cercare online di sicuro aiuta;
7) Attenzione agli errori: dovremmo essere particolarmente fortunati ma può capitare che le compagnie aeree pubblichino prezzi più bassi per errore; se completiamo l’acquisto prima che se ne accorgano il biglietto sarà comunque valido;
8) Scegliere la carta di pagamento giusta: a volte i prezzi variano in base al metodo di pagamento utilizzato, è bene verificarlo prima di procedere;
9) Viaggiare leggeri: questa non è una novità; se ci portiamo dietro solo il bagaglio a mano possiamo risparmiare fino a 15-20 euro;
10) Prenotare in anticipo: anche qui nulla di nuovo; è vero che la formula last minute spesso è la più conveniente ma prenotando mesi prima andiamo sul sicuro.

Come spendere meno in treno?

Molti degli escamotage per risparmiare in vacanza che abbiamo visto per i voli aerei valgono anche per i viaggi in treno. Con Trenitalia e Italo in particolare, oltre a fare attenzione alle newsletter e a prenotare per tempo, basta scegliere le date giuste: le offerte migliori si trovano di sabato e di domenica. Alle promozioni del weekend si aggiungono poi i pacchetti Promo 2x1, Promo andata e ritorno in giornata, Italo Special (in questo caso solo per l’omonima compagnia). Anche senza offerte specifiche però si può risparmiare guardando con cura la tabella dei prezzi: Trenitalia divide le tariffe tra base, economy e super economy; il servizio in standard, premium, business ed executive. La combinazione standard + super economy è la più vantaggiosa. Con Trenitalia risparmiano comunque più di tutti i titolari Carta Freccia: in particolare Young (fino a 30 anni) e Senior (over 60).

Aeroporto/stazione - centro: come risparmiare

Dopo il viaggio vero e proprio, step successivo anche per una vacanza low cost è il tragitto aeroporto o stazione verso il centro città (dove in genere si trova il nostro hotel). Se le stazioni ferroviarie si trovano tutte più o meno in posizioni centrali, soprattutto nelle grandi metropoli, per gli aeroporti è più complicato. Secondo una ricerca di Kayak, Milano Malpensa è l’aeroporto in Europa che richiede più budget per raggiungere la città: meglio quindi lasciar perdere il taxi e prendere i mezzi pubblici. Ma il discorso non vale solo per Milano: metro e bus ci fanno spendere meno e anche fare prima. A Parigi i mezzi arrivano a costare anche 50 euro in meno rispetto al taxi, 35 euro a Copenaghen, 22 euro a Berlino. Tutta una altra storia invece per chi atterra nelle isole greche, soprattutto le più piccole come Zante e Santorini, dove tra taxi e mezzi pubblici non c’è una grande differenza.

Hotel o appartamento? Il grande dilemma

Risparmiare con gli spostamenti in auto, treno, aereo e taxi può servire a poco però se poi abbiamo speso una fortuna per l’hotel o la casa vacanza. Eppure trovare alberghi economici non è più nulla di impossibile: tutti i vari siti, Booking, Expedia, Trivago, permettono di filtrare gli alloggi per prezzo. Prenotare per tempo è l’altro mantra ormai scontato e scegliere tariffe non rimborsabili, piuttosto che quelle con “cancellazione gratuita”, qualche spicciolo ce lo fanno risparmiare sempre. La scelta tra albergo e appartamento rimane però un dilemma insormontabile. Quale conviene di più? Se siamo una comitiva di 10 persone la casa vacanza di sicuro conviene, ma se siamo una coppia la differenza di prezzo è minima. Tuttavia Paese che vai, prezzi che trovi: rispetto un hotel, a Londra una casa vacanze costa il 9% in più (160 contro 147 euro a notte). Ad Amsterdam invece per un appartamento ci vogliono addirittura 100 euro in più di un hotel. La casa conviene solo in destinazioni come Budapest e Madrid in Europa, oppure paradossalmente oltreoceano: ad esempio a New York o Tokyo.

Risparmiare sui pagamenti quando si viaggia

Se viaggiamo al di là dei confini europei (o dell’Eurozona più precisamente) sorge poi un altro dubbio. Per le piccole spese quotidiane meglio pagare con la valuta locale o in euro? In contanti o con carta?  N26 risponde dandoci 7 suggerimenti sempre nell’ottica di una vacanza conveniente.

1) Meglio pagare con la valuta locale: in questo modo viene applicato infatti il tasso di cambio ufficiale, se si sceglie l’euro l’esercente potrebbe applicare maggiorazioni o commissioni extra;
2) Attenzione al tasso di cambio: viene da sé, meglio conoscerlo prima di partire in modo da sapere calcolare al volo il prezzo di ogni cosa, mai cambiare i soldi però in aeroporto, i tassi sono in genere più svantaggiosi che in città;
3) Preferire la carta al contante: meglio non spostarsi con portafogli stracarichi di bigliettoni; ricordiamoci però di controllare che la nostra banca non applichi commissioni per i pagamenti all’estero;
4) Utilizzare gli ATM delle banche: se proprio dobbiamo prelevare meglio farlo presso lo sportello di una banca, più sicuro e controllato, e sempre in valuta locale;
5) Occhio alle truffe: in viaggio si è a rischio frode molto più che in patria; conviene impostare un limite giornaliero a prelievi e pagamenti con la propria carta;
6) Controllare quotidianamente i movimenti del proprio conto: se si tiene traccia di ogni transazione, ci si può accorgere subito di eventuali anomalie.
7) Farsi l’assicurazione Viaggi: non solo per le truffe sui pagamenti, una polizza Viaggi può essere utile in caso di smarrimento bagagli o spese mediche impreviste;

Risparmiare sulla polizza Viaggi

D’accordo, un’assicurazione Viaggi fa quindi sempre comodo. Ma come fare senza sforare il budget della nostra vacanza economica? Il primo consiglio è affidarsi a un comparatore: su Facile.it ad esempio basta indicare se si tratta di un viaggio singolo, se siamo interessati a una formula multiviaggio/ annuale, oppure se stiamo per partire per una vacanza studio/ giovani. Selezioniamo poi se vogliamo una copertura anche contro l’annullamento del viaggio, oppure solo per le spese mediche. E se ci interessa proteggere il bagaglio. Il sito riordinerà le soluzioni trovate per prezzo e, se fortunati, potrebbe anche capitarci sott’occhio qualche sconto. È chiaro poi che più riduciamo massimali, limiti di rimborso e pacchetti extra, più si risparmia. Esistono inoltre polizze Viaggi cosiddette istantanee, come quelle offerte da YOLO, che possono essere cioè attivate solo in caso di necessità: prima di imbarcarsi sull’aereo, prima di fare snowboarding, etc.

Tags: Viaggi, assicurazione viaggio, Vacanze, Pagamenti digitali, Auto, Hotel, Treni, Voli

Todo è un supplemento online della testata giornalistica AziendaBanca

Blast21 Srl P.IVA 08085190968
Copyright © 2013 - 2016

Designed by f14web.net & carchidio.com

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.