Come creare un testo per un bambino dislessico

 
A volte basta editare correttamente un testo per semplificare la vita a un bambino dislessico. Da Epson ecco alcuni “trucchetti” per redigere e stampare scritti di facile lettura.

Consigli per l’impaginazione e la sintassi

Impaginazione curata e sintassi lineare sono solo alcune delle caratteristiche che un testo pensato per un bambino con dislessia dovrebbe avere. È bene quindi limitare la lunghezza delle frasi: il consiglio è di ridurle a 60-70 caratteri con un'interlinea ampia e paragrafi brevi. Può essere d'aiuto poi usare il grassetto per le parole importanti, mentre il corsivo facilita la lettura di parole consecutive. È raccomandato anche l'allineamento a sinistra del testo e la suddivisione in elenchi numerati o puntati.

Attenzione al font, al carattere …

Il font invece dovrebbe avere una dimensione minima tra i 12 e i 14 punti e dovrebbe essere arrotondato (lo sono ad esempio l’Arial, il Comic Sans, l'Helvetica, il Tahoma, il Trebuchet e il Verdana).

… e al tipo di carta utilizzata

Mai stampare poi un testo chiaro su sfondo scuro. Anche se la carta colorata è più indicata di quella bianca, l'ideale sarebbe di color bianco crema, meglio se opaca. Occhio infine al peso del foglio, perché la trasparenza rende più complicato distinguere i segni. Il peso minimo? Quello corretto è di 80-90 grammi.

Tags: Epson

Todo è un supplemento online della testata giornalistica AziendaBanca

Blast21 Srl P.IVA 08085190968
Copyright © 2013 - 2016

Designed by f14web.net & carchidio.com

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.