Sicurezza in città? Ci pensa un social network

Cittadini uniti per la sicurezza, su un social network. Dalla app SafeCity si possono segnalare furti, rapine, incidenti, episodi di violenza e crimini di ogni genere, avvisando la community e le autorità.

SafeCity: come funziona

Chiunque può registrarsi su SafeCity. La app è su Play Store per Android e App Store per iOS: una volta scaricata SafeCity, si sceglie un nickname e si seleziona la propria città. A quel punto si può inviare una segnalazione o ricevere gli aggiornamenti dagli altri utenti della community. Hai avvistato un ladro, un rapinatore, oppure c’è appena stato un incidente? Come su Facebook, indichi la posizione, scatti una foto, aggiungi un breve commento ed è fatta. Gli altri utenti possono poi condividere il post anche su altri social.

 

Dalla segnalazione all’intervento

Dall’app si può anche indicare quanto un pericolo sia oggettivamente grave e confermare se siamo certi o meno di quello che abbiamo visto. Le forze dell’ordine sanno così come intervenire in ogni singolo caso. Tutte le segnalazioni sono sotto controllo e, se in un luogo i post sono più frequenti, è subito chiaro che si tratta di una zona pericolosa. Sono le autorità quindi a mettere in guardia la community.

SafeCity e la privacy

Ogni identità su SafeCity è segreta: la community non ha accesso ai dati personali di nessuno, nemmeno a quelli dei cosiddetti Cittadini Qualificati, che condividono il numero di telefono solo con le autorità. Inoltre un team di moderatori tiene sempre sotto controllo i commenti e le immagini pubblicati.

Tags: App, Social network

Todo è un supplemento online della testata giornalistica AziendaBanca

Blast21 Srl P.IVA 08085190968
Copyright © 2013 - 2016

Designed by f14web.net & carchidio.com

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.